Nuovi Sviluppi per i cementi ossei per fratture alla colonna vertebrale “da scoppio”

I ricercatori dell’Università di Leeds e della Queen’s University Belfast (Regno Unito) stanno sviluppando nuovi cementi biologici per riparare le «fratture da scoppio» della colonna vertebrale. Ovvero quelle frattura causate da traumi che sono il più delle volte la conseguenza di incidenti stradali o di traumi simili. Oltre mille ricoveri all’anno nei reparti di pronto soccorso degli ospedali del servizio sanitario nazionale britannico sono dovuti a lesioni di questo tipo.Le fratture da scoppio ricorrono prevalentemente nei più giovani. Attualmente, i cementi ossei vengono utilizzati con più frequenza nei pazienti anziani che soffrono di osteoporosi, attraverso una procedura nota come vertebroplastica, ma le fratture spinali da scoppio presentano maggiori complicazioni.

“vertebroplastica”

La vertebroplastica e la cifoplastica sono due nuove metodiche mini-invasive di trattamento delle fratture vertebrali nell’anziano. Trattasi di due tecniche percutanee di stabilizzazione della frattura mediante l’iniezione di cemento acrilico nel corpo vertebrale stesso.

La vertebroplastica consiste nella stabilizzazione della frattura mediante cementazione realizzata attraverso l’iniezione percutanea di cemento acrilico (per mezzo di una o due piccole cannule) nel corpo vertebrale.

Il cemento, dopo pochi minuti, solidifica acquistando la resistenza e la durezza dell’osso umano. La metodica permette così la “cicatrizzazione” della frattura impedendo che la deformità possa peggiorare nel tempo.

Dichiara la dottoressa Ruth Wilcox dell”Istituto di ingegneria medica e biologica di Leeds:

«I chirurghi possono riassemblare i frammenti ossei e stabilizzare la colonna grazie all’impiego di viti e asticelle metalliche, tuttavia i pazienti con queste lesioni versano spesso in condizioni molto gravi, pertanto la migliore cura è quella meno invasiva”

Nel caso di pazienti con osteoporosi, sembra che i cementi esistenti favoriscano lo sviluppo di fratture nelle vertebre vicine a quelle che hanno subito la vertebroplastica. «Questo si può spiegare in quanto i cementi attuali sono più rigidi della struttura ossea e causano uno squilibrio nel modo in cui la colonna sostiene il peso», afferma la dottoressa Wilcox.

Mentre, Fraser Buchanan della scuola di ingegneria aerospaziale e meccanica della Queen’s University da parte sua spiega: «Questi nuovi cementi ossei possono essere iniettati nel sito della frattura e simulano la composizione chimica delle ossa.È chiara la necessità di sviluppare biomateriali le cui proprietà corrispondano il più possibile a quelle delle ossa vere e proprie. Questo progetto offre l’opportunità ideale di utilizzare le preziose competenze messe a disposizione dal raggruppamento al fine di prevedere gli effetti dei cementi sviluppati più di recente e di integrare persino agenti biologici intesi ad assistere il processo di guarigione del corpo».

La nuova ricerca, finanziata con oltre 700 mila euro dall’Engineering and Physical Sciences Research Council (EPSRC), ossia il Consiglio britannico delle ricerche per le scienze fisiche e ingegneristiche, potrebbe offrire speranza alle vittime delle lesioni spinali più devastanti.

About these ads

93 Risposte to “Nuovi Sviluppi per i cementi ossei per fratture alla colonna vertebrale “da scoppio””

  1. barbara Says:

    mio marito ha fatto lunedi’ scorso una vertebroplastica e purtroppo i medici hanno sbagliato vertebra.
    vorrei sapere se il cemento iniettato su di una vertebra sana porta qualche problema.
    grazie……

  2. Gentile signora Barbara, anzitutto mi scuso con lei per il ritardo nella risposta alla sua domanda…anziutto le pongo questa domanda…ma che tipo di frattura ha avuto suo marito alla vertebra? consultando la letteratura su internet tra le possibili complicanze di un cemento iniettato su una vertebra sana potrebbero essere paragonate alle complicanze di una vertebroplastica su frattura vertebrale….cioè:

    Allergia al cemento o al mezzo di contrasto radiologico(rischio molto basso in quanto suo marito ha già eseguito l’intervento);

    Compressione del midolo spinale causata dall’ espansione della vertebra che è stata operata, e conseguente frattura della vertebra situata al di sopra o al di sotto di quella cementificata(questo è un rischio più alto che potrebbe verificarsi post-intervento)

    E opportuno, che anzitutto si rivolga ad un centro specialistico di vertebroplastica, che le posso indicare per e-mail , e, che la vertebra venga controllata radiologicamente per cercare, se presenti, eventuali complicanze(come ad esempio fratture o compressioni vertebrali) e cercare di eliminarle subito.
    Spero vivamente di aver risposto alla sua domanda, se vuole saperne di più sull’intervento di vertebroplastica le riporto una pagina web del ministero della salute che tratta quest’argomento…

    http://www.ministerosalute.it/imgs/C_17_pagineAree_88_listaFile_itemName_3_file.pdf

    Distinti saluti.

  3. valentina Says:

    sono una ragazza di 30 anni sono caduta dal motorino picchiando il sedere, dove ho riportato al 1 e 2 elemento una frattura con dislocazione anteriore e una frattura della limitante somatica superiore del corpo vertebrale della d11 conservato l’ arco posteriore, non si evidenzia dalla tac frammenti a livello dello speco vertebrale, ne listesi nè disassamenti, l’incidente è avvenuto il 17 maggio ho effettutato riposo a letto per 15 gg. e è il 3 mese che porto il busto clamp c 35, mi chiedo se avrò delle invalidità? e se è necessario portate il buisto il 3 mese, visto che ormai ho dolori nella schiena per la postura del busto..
    grazie

  4. valentina Says:

    mi sono dimenticata una parola e non si capisce che osso mi sono rotta…la frattura del 1 e 2 elemento è del coccige.

  5. ciao valentina,
    come prima cosa non allarmarti! per il resto non posso far altro consigliarti di chiedere consiglio al tuo medico di famiglia o per lo meno ad un medico di fiducia con il quale parlare faccia a faccia e valutare la tua situazione;

    riguardo il busto il tenerlo o meno riguarda sempre la situazione nella quale ti trovi…per i dolori alla schiena potresti fare del movimento (passeggiate ecc.) inoltre, ci sono particolari esercizi per il rilassamento della schiena, se cerchi su internet ne troverai alcuni.

    vedrò di scrivere qualcosa riguardo i dolori della schiena appena possibile.

  6. mio marito a subito una vertebraplastica, e il giorno dopo ha risentito i stessi dolori nella sua gamba. E’ Normale ?

  7. Salve signora Miriam, mi scuso con lei per il ritardo nella risposta, non sò che frattura vertebrale ha riportato suo marito…cmq sia il dolore alla gamba per questo genere di fratture è normale…anche dopo intervento…qualora il dolore s’intensificasse…fino a diventare insopportabile..e bene che consulti sia un neurologo…e gli porti tutta la documentazione dell’intervento…saprà lui indirizzarvi da chi di dovere..per un’eventuale controllo del dolore…spero di esser sto esauriente….a presto.

    • salve,anzi buon giorno epiacere di aver la possibilita di poter leggere un po di problemi e un po di buoni consigli!arrivo subito al dunque.inanzi tutto,piacere io sono luigi di milano,aripiacere di conoserv\ti.ho 27 anni.nel 2007 ebbi un incidente in moto.in poche parole,sperando di poter essere abbastanza esaudiente,mi fratturai 2 vertebre lombari(l5composta, ed l4 con scoppio,praticamente in “mille pezzi”)bhè subi un intervento di stabilizzazione lombare con viti e placche(titanio,se puo essere di aiuto posso dirvi tutte le misure delle viti!):2 viti in s1,2 viti in l5 e 2 viti in l3 con 2 placche.dopo 3 anni vado a fare la visita di controllo e risulta che ho un dato(di l3)svitato e una placca rotta.bhè nel 2010 fù rioperato di urgenza,tengo a dirvi che dal 2007,dopo che ho subito,nn 1 intervento,ma ben si 2,si xche il chirurgho,passatemi il termine,aveva sbagliato a mettermi una vite,ovvero la mise storta”proprio in l3,quella storta che poi nel 2010 si svito,scuatemi ma nn riesco a capacitarmi di certi errori porca di quella porca,anche se l’intervento lo subi di emergenza,scatemi x questo mio sfogo!”quindi tornando a noi,bhè ebbi un pò di problemini alla gambe,piu la sx,ma poi pian piano,con tanta ginnastica andò tutto a migliorare.in sostanza nel 2010 subi la terza operazione(clinica igea. dott. corona)mi tolse tutto l’impianto vecchio,e mi disse,nell’operazione ti ho tolto tutto e ho vito che potevi farne a meno delle stabilizzazione xrò,ti ho messo un sistema”uguale al precedente”piu corto e piu resistente,visto che anche le viti me le sostitui con diamentro maggiore.se nn ricordo male:da 5.5mm me le mise da 6,5mm,bhe in fine,in data ..12.2013 sorge il problema di una vite spezzata in l5;ci tengo a dire che dopo la 3 operazione”2010″fino ad oggi sono abbastanza autonomo,in sintesi,con il dovuto”obbligatorio”riposo riesco a fare quasi tutto.pensate che ad oggi sn quasi 2 anni che ballo,e proprio 2 settimane fà sn arrivato in finale in una gara,amatoriale,ma pur sempre una gara.in sintesi è piu di un mese che percepisco sempre piu dolori aggiunti a quelli che già sono di rutin!ci tengo a scusarmi a priori x la mia scrittura poco corretta.in fine fine,proprio x farla povera,nell’ultimo mese passato mi sono fatto visitare da un altro specialista neurochirurgo”senza fare nomi,perche ritengo poco opportuno,ma se interessati posso dirvi chi è” emi ha detto vivamente che il sistema concettuale di viti e placche che mi misero fin dal primo intervento,è un sistema della muta,in sintesi nn faceva è nn fà tuttora al caso mio,piu tosto bisognava intervenire chirurgicamente anche da davanti,xche come puoi vedere,disse a me,ti si è rotta una vite e,aggiunse,io avrei fatto a meno di metterti questo impianto,avrei tolto tutto e ti avrei fatto mettere un busto x 1\2 mesi,scusatemi ma nn ricordo con precisione,e sarebbe stato uguale ad oggi!bhè in sostanza ad oggi i miei chirurghi toglierebbero tutto,invece il mio fisioterapista di fiducia,e proprio l’altro giorno anche uno di nuovo,dicono che l4 è troppo compromessa x poter lavorare senza un sostegno.quindi le domande piu semplici da chiedert\vi sono le seguenti:cosa e chi mi consigliate?cordiali saluti e spero vivamente di poter risolvere nel migl dei modi questo mio problema.grazie ancora,luigi!

  8. La mia ragazza ha fatto un incidente in auto un anno fa. mi ha spiegato che ha una frattura nella spina dorsale e che la vertebra gli si è spostata di un paio di millimetri a destra.

    Siccome io non mi intendo molto dell’ossatura umana, spero di averlo spiegato bene.

    Adesso sta facendo nuoto, che è un ottimo esercizio per la schiena, d’estate quando siamo al mare, il dolore diminuisce molto perché molto spesso lei fa nuoto, ma penso che ci sono ancora i segni della frattura, perché ancora gli fa male se esegue determinati movimenti.

    La mia domanda è: Questi cementi ossei, potrebbero curarla una volta per tutte, o almeno diminuire il dolore?

    Grazie mille….

  9. Salve signor Denik, i cementi ossei posson tornare utili qualora si verificassero delle rotture piuttosto brutte alle vertebre, fratture frammentarie o parziali, il problema che ha avuto la sua ragazza non credo che si posso trattare con una vertebroplastica, in quanto sembrerebbe che sia più un dolore causato dallo spostamento di un disco interventerbrale,con conseguente dolore da ernia.
    Cmq sia se il dolore s’intensificasse è oppurtuno rivolgersi a un centro specializzato, come per esempio gli ospedali Ortopedici Rizzoli di Bologna, che hanno una grande esperienza per queste lesioni.
    Inoltre è molto inportante praticare dello sport in questi casi,sopratutto il nuoto, che rafforza tutti i muscoli della colonna.

  10. buongiorno, dovendomi ricoverare per un autotrapianto del midollo e una vertebroplastica o cifoplastica, puo’ indicarmi il centro migliore per queste ultime due?Grazie.

  11. Salve, le consiglio di rivolgersi agli ISTITUTI ORTOPEDICI “RIZZOLI” DI Bologna, che sono il top per questo tipo di trattamenti.

  12. maria tarantino Says:

    mi chiamo maria e o avuto un incidente stradale nel 2005 mi sono fratturata le vertebre mi anno messo 6 vite 6 placche o avuto fatto 2 interventi uno 2005 1 2007 ma io o senpre mal di schiena senso di pesantezza e non posso camminare se cammino il dolore mi sento morire mi chiedo perche sono cosi ancora so che il mio incidente e stato gravissimo

  13. Gentile signora maria, da quello che ho capito, la frattura vertebrale è stata piuttosto complicata, dato che l’hanno stabilizzata con molte viti e placche.
    Il consiglio che le dò, è quello di farsi visitare da un esperto neurologo, e consulterei anche un neurochirurgo per vedere cosa possa essere cambiato, dato che il dolore che sente è molto forte.
    Inoltre sentirei anche un ortopedico esperto di colonna vertebrale, le consiglio ISTITUTI ORTOPEDICI “RIZZOLI” DI Bologna, prenotando, dice che deve fare una visita alla colonna, la sapranno indirizzare.
    Le consiglio infine di portarsi tutte le radiografie precedenti e magari, sentito anche il parere del medico di famiglia, fare una radiografia o una risonanza, così l’ortopedico può fare un riscontro con le vecchie radiografie.

  14. sono alquanto preoccupata mia madre di anni 64 oltre a problemi di osteoporosi circa 3 anni fà in seguito ad una caduta si è fratturata la vertebra L2 ci hanno consigliato una la cementificazione della vertebra . i dolori sono continui e peggiorati al momento siamo tornati dall’ ortopedico e ha prescritto raggi e risonanza. Dai raggi risulta:manifestazioni di spondilosi, riduzione di ampiezzapost. dello spazio intersomatico L3,L4,L5,S1. Riduzione della fisiologica lordosi lombare, demineralizzazione della spongioa a livello dei metameri lombari. I risultati della risonanza li avremo la prossima settimana . Cosa nè pensa come posso aiutare a far star meglio mia madre? Grazie

  15. Buongiorno, non e un orario opportuno e chiedo scusa, ma questa mattina mio marito farà un’intervento per frattura alla spina dorsale, ha fatto un’incidente in moto 7gg fa i danni riportati sono, rottura della spalla,rottura delle costole e frattura alla spina dorsale. Non sente le gambe! Stamane stabilizzeranno con delle placche! Mi chiedo! Tornerà ha camminare? In seguito potrebbe riportare Danni? Grazie x la sua attenzione.

  16. Purtroppo l’osteoporosi rappresenta una patologia che causa un forte indebolimento della colonna. Poi un banale trauma, oppureil peso stesso del paziente possono portare a “crolli vertebrali” con rottura delle vertebre.
    Infatti i raggi lo dimostrano, con appunto la riduzione della mineralizzazione ossea. Per quando rifguarda il trattamento del dolore deve rivolgersi al suo ortopedico, oppure a dei centri di anestesia, che attuano la terapia del dolore, ovviamente sotto consiglio ortopedico, spiegandogli che sua madre presenta un dolore molto forte, e dovrebbe aiutarla, con degli antinfiammatori, momentaneamente, priva dell’eventuale intervento di cementificazione.
    Per quanto riguarda l’intervento, il consiglio che le dò è quello di rivolgersi a un centro specializzato per questo tipo di trattamento, come per esempio, ma non l’unico, “Rizzoli” di Bologna.Spero di essere stato esauriente. Saluti

  17. Rispondo alla Sig.ra Sonia
    Buongiorno, in caso di queste fratture, ci può essere un iposensibilità delle gambe, ovviamente dipende dal tipo di frattura. Per quanto riguarda la possibilità di poter camminare, dipende dal parere della prognosi dell’ortopedico che l’ha operato. Per quanto riguarda il fatto che in seguito possa riportare danni, è importante che non compia determeineti movimenti, e che comunque faccia una buona riabilitazione. Cose che comunque vi diranno anche L’ortopedico.
    Gradirei sapere com’è andato l’intervento.
    Nell’attesa auguro un in bocca l lupo per l’intervento di suo marito e le porgo distinti saluti.

  18. Buongiorno, l’intervento x quanto dicono i chirurghi è andato bene, ancora non riesco a parlare con i neuro chirurghi che hanno operato. Purtroppo ieri mattino un’arteria laterale ha fatto capricci, provocando un’emorragia hanno dovuto intervenire in sala operatoria dando del plasma e fermando l’emorragia. Francesco ha aderito alla sperimentazione di un nuovo farmaco di preciso cosa sia non so! Il fisiatra che lo segue x ora non si pronuncia! Hanno fatto degli esperimenti sabato, inserendo degli aghi intesta mandavano delle scariche lui diceva che sentiva qualcosina dalle ginocchia in giù! Grazie x la sua attenzione penso di contattarla ancora. Buona giornata.

  19. L’intervento è andato bene, sono felice di questo, purtroppo, per alcuni interventi delicati come questo, un eventuale emorragia durante l’intervento è una complicanza presente.Anche perchè sulla colonna sono presenti numerossime arterie. Per quanto riguarda il farmaco…e per il dolore?
    Per quanto concerne l’esame che ha fatto sabato scorso, sembra sia stato fatto per valutare la presenza di riflessi agli arti inferiori, che abbia sentito qualcosa è buon segno, vuol dire che forse la lesione spinale non abbia compromesso l’uso delle gambe, ma bisogna sempre sentire il neurologo per questo. Desidero essere informato sulla guarigione se non mi dispiace.
    E non esiti a scrivermi se ha qualche dubbio.Buona giornata a lei

  20. Buona sera, purtroppo il problema di francesco ora non è più la schiena ma il polmone destro schiacciato con l’impatto, e per di più un pò pasticciato dall’intervento, improvvisamente si è accartocciato trattenendo intorno a se del liquido. Oggi quando sono arrivata in ospedale sono stata informata di un lieve miglioramento che sembrerebbe ottenuto dal respiratore artificiale e I vari farmaci. Ma ancora e lunga la strada dc percorrere. Lui oggi mi diceva che sente male nelle gambe! L’ho spero tanto! La informero nei prossimi giorni degli accaduti! Grazie x la sua disponibilità. A presto. Sonia

  21. Salve, penso che in seguito all’incidente, suo marito penso abbia riportato un Pneumotorace, ovvero, la sede dove sono collocati i nostri polmoni, vi è uno spazio con una pressione negativa, cioè più bassa di quella atmosferica, e qualora vi sia una trauma al torace, e si verificasse una comunicazione con l’esterno il polmone tenderebbe a schiacciarsi. Ma con opportune procedure è possibile riportare il polmone alle condizioni normali. Purtroppo ci vorrà il tempo ma i miglioramenti si vedranno. Bisogna seguire sempre le terapie,quello è l’importante! A presto! Saluti!

  22. Arnaldo Sommovigo Says:

    Buongiorno,
    ho 28 anni e 10 anni fa ho subito un incidente con frattura di D4-D5. Ad oggi RX e Risonanza dicono che le fratture si sono ben consolidate, seppure vi sia uno schiacciamento di D4-D5 che sono cuneiformi.
    Negli ultimi tempi si sono acutizzati i dolori che mi dicono essere dovuti alla postura (mi aumentano da seduto) e dopo manipolazioni ed altre cure
    mi è stato detto di sentire anche per un eventuale intervento di vertebroplastica. Secondo Lei sarebbe possibile alla mia età e risolverebbe il problema? Mi sa altrimenti consigliare specialisti a cui posso rivolgermi per una consulenza? Grazie molte,
    Arnaldo

    • michele renai Says:

      Ciao Arnaldo,
      ho letto il tuo messaggio e mi trovo più o meno nelle tue condizioni. Sono caduto e ho riportato una deformazione a cuneo della vertebra D4. i sintomi sono gli stessi che descrivi tu.

      Stavo appunto navigando in internet per saperne di più sulla vertebroplastica.

      Ti sei già mosso in qualche modo? hai avuto pareri positivi dai medici?
      grazei in anticipo della risposta

    • Alessandra Says:

      ho letto questo messaggio e la volevo informare che mio marito dopo una caduta dallo scooter ha riportato la rotture 3 mesi fà delle vertebre D5 -D6 e anche a lui dopo una consulenza a perugia da uno dei migliori Prof Lunardi ci ha consigliato una vertebroplastica ma noi lavorando nel campo andremo all’università di Tor Vergata Prof.Masala spero di essere stata d’aiuto e le auguro buona fortuna

  23. Buongiorno a lei, purtroppo il dolore che ha quando si siede, sembra sia compatibile con la frattura, infatti i pazienti che riportano questo tipo di frattura accusano dolore quando assumono la posizione seduta. Ovviamente la risonanza e il parere dell’ortopedico poi, confermano i sintomi.
    Secondo il mio parere non è tardi sottoporsi a questo tipo di intervento, anzi!
    Ovviamente é il parere medico è che poi le darà l’ok a questo tipo di intervento.
    E’ importante inoltre, che oltre il parere ortopedico all’intervento, che senta anche un parere neurochirurgico, parere molto importante, data l’alta presenza di fibre nervose nella colonna.
    Come ho consigliato ad altri, le consiglio sempre a un centro ultraspecialistico, come ad esempio ISTITUTI ORTOPEDICI “RIZZOLI” DI Bologna. Spero di essere stato esauriente. Per qualsiasi cosa non esitia ricontattarmi.
    Saluti

  24. Rieccomi, buona sera, dopo tanto questa sera ho avuto un referto medico di francesco, che nn mi aspettavo,vorrei se e possibile mandarlo ad un suo numero fax x poter avere un opinione in più e vorrei tanto nn fermarmi a cio che dicono i medici. Se ce anche solo una minima possibilità vorrei sfruttarla.
    Grazie della sua disponibilità,
    a presto,Sonia.

  25. Arnaldo Sommovigo Says:

    La ringrazio molto per il suo parere.
    La aggiorno sulla situazione: ieri ho effettuato una visita da uno specialista in vertebroplastica, il cui consiglio è di non effettuare l’operazione per una serie di motivi. A) la mia frattura non è recente ma risale a 10 anni fa ; B) la mia sofferenza non è ossea, bensì muscolare, causata da una colonna vertebrale di forma non naturale che infiamma e tende i tessuti circostanti e quindi l’operazione non risolverebbe i problemi.
    C) per la zona alto dorsale i rischi di una non riuscita dell’operazione potrebbero essere gravi.

    Sembrerebbe pertanto una cervico-dorsalgia su base posturale, vorrei essere sicuro di questo e nel caso sia questo il problema rivolgermi a specialisti (ho guardato sul sito del Rizzoli e credo ce ne siano parecchi) per fare il possibile.

    La prego di darmi un suo parere.
    Grazie,
    Arnaldo

  26. Rispondo ad Arnaldo

    Buongiorno, la scelta di fare la visita a uno specialista di vertebroplastica è stata ottima, chi meglio di lui può indirizzarla ad un intervento di questo genere.
    Molto spesso, se la frattura è avvenuta in certo modo o in un tempo lungo il parere dello specialista, come in questo caso, potrebbe essere negativo, evidenziato anche dai problemi alla sua colonna.
    Secondo il mio parere è bene rispettare il parere dello specialista, e cercerei di risolvere piuttosto la cervico-dorsalgia su base posturale, rivolgendovi al Rizzoli, che penso, sicuramente cercheranno di porre rimedio, o almeno ridurre i sintomi.
    Buona giornata

  27. rispondo a sonia

    Le scrivo direttamente sulla sua email….ok?

  28. Arnaldo Sommovigo Says:

    La ringrazio molte dei preziosi consigli, prevedo di recarmi al più presto al Rizzoli per intraprendere le terapie.

    Arnaldo

  29. leonardo Says:

    circa 10 anni fà x un incidente di moto ho riportato una frattura alla colonna vertebrale in l2.al pronto soccorso mi volevano tenere fermo a letto x un mese,dopo un giorno ho firmato e sono venuto via (che stupido sono stato).attualmente stò subendo uno schiacciamento della stessa vertebra che mi da molto dolore.mi potresti indicare da chi andare x una visita o x una operazione.in attesa di una tua risposta i miei più cordiali saluti leonardo

    • Buongiorno signor Leonardo! io ho avuto a che fare con gli “Istituti Ortopedici Rizzoli di Bologna” e mi sono trovato molto bene con questo tipo di problemi! Sono molto preparati su quest’argomento, quindi le consiglio di prenotare una visita lì!
      Poi eventualmente se la farà mi dice come è andata.
      Cordiali saluti.

  30. Salve, nel 2000 ho avuto una fratura spontanea di L2, dovuta a Mieloma Multiplo. Sono ancora in tempo per una cifoplastica con palloncino?
    Quale centro in Italia mi consiglia?

    • Buongiorno signor Edmondo! io ho avuto a che fare con gli “Istituti Ortopedici Rizzoli di Bologna” e mi sono trovato molto bene con questo tipo di problemi! Sono molto preparati su quest’argomento, quindi le consiglio di prenotare una visita lì!
      Poi eventualmente se la farà mi dice come è andata.
      Cordiali saluti.

  31. francesco Says:

    sono francesco da 6 anni assumo dosi eccessive di cortisone e nel controllo che ho fatto quest’anno ho delle fratture alle vertebre e vorrei andare al rizzoli di bologna ma non so come mettermi in contatto…se qualcuno mi può aiutare con urgenza a fornirmi dei numeri telefonici e il nome di qualche medico….grazie in anticipo

  32. Riccardo Elli Says:

    Non ho capito se è qui che si possono fare le domande. Se no, scusatemi.
    Mia moglie, 66 anni, leggera osteoporosi, è caduta (10 aprile 2009) dalla scala di casa e si é fratturata (a cuneo) le vertebre D12 e L1. Purtroppo, essendo anche affetta da Depressione Maggiore, è stato molto lungo e faticoso farle fare tutti gli esami ed ha finito solo oggi, con una RMN dopo la TAC. Il referto non è molto lusinghiero, perché si accenna a possibile interessamento del sacco durale e del cono midollare (solo per uno spigolo di una vertebra) ma non ha quasi più dolore dorsale, usa un bustino leggero con stecche, e passa a letto i pomeriggi, ma la mattina lavora in casa.
    E’ ancora ragionevole, a circa tre mesi, pensare ad una vertebro- o cifo-plastica?
    Potrebbe invece essersi instaurato un percorso di riparazione naturale.?
    E’ meglio che la riveda il medico o il chirurgo?
    Grazie.
    Riccardo Elli

  33. Salve! Dopo tanto eccoci qui! Francesco ha avuto scoppio e lesione della d6. I medici dicono che all’80xcento resterà così.. Ma x fortuna non si arrende.. Io mi sono un pò rassegnata! Dove potrei portare francesco x verificare qualcosa di più! I trauma chiamati asiad6 che fine fanno? Grazie.

  34. Salve, mi deve scusare se la importuno, purtroppo sono preoccupato e non so cosa fare. Ho 60 anni e nel 1967 ho subito un infortunio sul lavoro con gravi conseguenze alla colonna vertebrale non sono rimasto paralizzato solo per miracolo ( da quello che dicevano i medici ). Sono stato sempre in cura da vari ortopedici di fama nazionale, ho imparato a convivere con questo problema, che non è cosa da niente. Purtroppo da circa tre anni il tutto sta peggiorando, sono andato per visite e controlli a vari ospedali del nord, ( non riuscivo a stare dritto in piede ed avevo un dolore atroce) in un ospedale la risposta è stata che tutto sommato sto bene, però quando sto per paralizzarmi vado da loro e mi operano ( intanto da sttembre u.s. non ce la faccio a camminare, ho sempre dolore alla schiena e mi sento le gambe addormentate, negli ultimi due mesi mi capita che mentre cammino mi viene meno la gamba sinistra e cado). Le scrivo pari pari la diagnosi che mi ha rilasciato uno degli ospedali dove sono stato:
    RM LOMBO-SACRALE (SENA E CON MDC). Esame eseguito con tecnica TSE e CISS secondo i piani assiale, coronale e sagittale senza e con infusione di mdc. E’ stato esaminato il segmento D10-S2.
    Marcata scoliosi lombare destro convessa. Marcata deformazione del soma L2 che appare ridotto in altezza specie in sede paramediana laterale sinistra con avvallamentodella limitante somatica superiore che si presenta irregolare compatibile con crollo somatico in esiti.
    Tale alterazione somatica condiziona marcata angolazione del tratto vertebrale lombare con impronta sulla superficie anteriore del sacco durale, affastellamento delle redici della cauda e riduzione delle dimensioni del canale vertebrale il cui diametro sagittale a livello di L1_L2 è di circa 1 cm..
    Il muro somatico posteriore di L2 appare verosimilmente integro con retrolistesi di I grado di L2 su L3.
    Potrusione anteriore dello spigolo somatico anterosuperiore di L2 associata a grossolana barra artrosica somatica anteriore L1-L2.
    In corrispondenza della spongiosa della porzione anteriore del soma di L2 si evidenzia alterazione di segnale iperintensa nelle immagini T1 e T2 pesante ed ipointensa nelle immagini Fat Sat che non si modifica dopo infusione di mdc compatibile con degenerazione tipo Modic 2.
    I dischi intersomatici del tratto esaminato presentano ipointensità di segnale nelle immagini T2 pesate come da disidratazione.
    Marcati segni di degenerazione artrosica discosomatica a osteolegamentosa posteriore specie nel tratto lombare medio-inferiore con riduzione di ampiezza del canale vertebrale e dei formai di coniugazione.
    Aree ovalari di alterato segnale iperintense nelle immagini T1 e T2 pesate e nelle immagini Fat Sat si evidenziano a carico dell’emiporzione destra del soma di L4 e di L1 riferibili ad angiomi vertebrali a contenuto misto.
    Cono midollare visualizzabile a livello di D12.
    Affastellate le radici della cauda nel cui contesto, in sede paramediana destra, a livello di L3-L4 si evidenzia formazione ovalare di pochi mm ipointensa nelle immgini T2 pesate sede di omogeneo e marcato enhancement postcontrastografico. La lesione, già visualizzata ad un precedente controllo RM eseguito in altra sede in data 15-06-07 e portato in visione dal Pz appare verosimilmente a piccolo neurinoma delle radici della cauda sostanzialmente immodificato per dimensioni.
    In complesso: i reperti rm non presentano variazioni significative rispetto ad un precedente controllo eseguito in altra sede in data 15-06-07, in particolare si evidenziano esiti di crollo somatico verosimilmente traumatico a livello di L2 in assenza di edema attuale in quadro di marcata degenerazione artrosica discosomatica e osteolegamentosa posteriore condizionante stenosi acquisita del canale vertebrale più marcata a livallo L1-L2.
    piccolo neurinoma delle radici della cauda a livello L3_L4.
    A queto punto io mi chiedo perchè il neurologo che mi ha visitato al sud si è spaventato dicendomi di operarmi subito ad un ospedale del nord specializzato in interventi spinali-dorsali altrimenti rischiavo di rimanere paralizzato e i medici di questi ospedali del nord hanno preso il tutto sottogamba, dicendomi che siccome la mia è una frattura subita del 1967 è bene operarsi ma solo quando sto per paralizzarmi e non mi hanno detto a che cosa vado incontro dopo l’intervento.
    Grazie per la Sua attenzione, spero che mi risponda e mi spiega bene che decisione prendere.

  35. Salve mi chiamo Agostino. In seguito ad un incidente con la moto ho riportato una lesione alla vertebra D4. A distanza di due mesi, in seguito ad una caduta, un pezzo di vertebra si è staccato, per cui lo specialista mi ha consigliato l’operazione… vorrei sapere quali rischi si corrono con un’operazione di ricostruzione alla D4. Distinti saluti e un grazie anticipato per la risposta.

  36. Ho fatto un intervento di cifoplastica un anno fa alla colonna vertebrale.Ho scoperto inoltre di avere l’osteoporosi.la schiena comunque mi da sempre problemi a volte mi manca il respiro dal male che ho.prendo il contramal al bisogno e funziona…il dolore passa.. ma penso che posso continuare ad assumere gocce per stare meglio anche perchè contengono oppio…cosa posso fare?non ne posso piu e tra l’altro il mio lavoro mi porta a stare in piedi per molte ore ed a volte devo spostare anche dei pesi..

  37. Massimo Buschettu Says:

    BUONA SERA MI CHIAMO MASSIMO IO AVREI LA 4 E LA 5 VERTEBRA SCHIACIATE DAI REFERTI MI HANNO DETTO CHE E UNA COSA CHE MI PORTO DIETRO DA MOLTO PICCOLO.LA SCHIENA ANNO DOPO ANNO STA PEGGIORANDO SEMPRE DI PIU, STO ANCHE ASSUMENDO UNA POSIZIONE NON ERETTA PER VIA DEI DOLORI, MI CHIEDEVO SE SI POTREBBE FARE QUAL COSA. GRAZIE

  38. ciao
    sono Michele , il 27 agosto , dopo un lancio da paracadute ho subito delle fratture , in particolare lesioni lievi di D 4 e D 6 e schiacciamento di D 8, le pareti intrne della vertebra erano sane, quindi mi hanno sottoposto alla cementificazione di D 8, (con cemento veggetale). porto un busto fatto su misura , con goggea che mi sorregge la testa, tra una settimana vado a visita di controllo, ho fatto una RM e il risultato nn l’ho capito tanto bene potresti spiegarmelo , te lo riporto come è scritto
    grazie x la tua cortesia
    :lievemente accentuata la cifosi dorsale nel settore intermedio, normali i diametri del canale vertebrale e del sacco durale.
    Moderati fenomeni degenerativi discali interessano tutto il tratto esplorat con dischi lievemente protusi all’indietro nel settore intermedio e piu distali dove il contatto durale anteriore a piu livelli non si associa ad evidente danno mieloradicolare.
    Modesta riduzzione di spessore del corpo vertebrale di D 4,D 6 e D 8 il cui lieve avvallamento del piatto articolare superiore rappresenta espressione di un evento traumatico non recentissimo.
    Normale il midollo, il cono midollare ed il rigonfiamento lombare.

    Grazie x l’attenzione

  39. salve
    Dopo una caduta mi sono fratturato la 4 e la 5 vertebra. Ho saputo dal mio medico personale di questa nuova tecnica di vertebroplastica. Chiedo pertanto se a Roma (o dintorni) ci sono strutture specializzate in questo intervento. Grazie x l’attenzione

  40. salve,mia moglie, 42 anni ha fatto una RM alla spalla per un lipoma sottoscapolare e non era niente di grave. il radiologo ha scoperto per caso che in D6 c’era una massa, un vuoto ci diceva che lui al 90% definiva cisti, niente di maligno e che consigliava esame bioptico.siamo andati all’ospedale borgo trento di verona e ci hanno detto che la vertebra è corrosa all’interno e, dopo aver fatto scintigrafia ossea risultata negativa ci dicono di fare esame bioptico e cementificazione della vertebra(vertebroplastica?) per evitare un crollo. mia moglie non ha mai avuto dolori particolari alla schiena, ma i soliti che si accusano lavorando.lei cosa ne pensa? è indispensabile questo tipo di intervento e in cosa consiste? grazie.

  41. buonasera, dopo un incidente stradale ho riportato la frattura da scoppio in l3. ho 37 anni e i medici hanno valutato di non operarmi. a distanza di sette mesi sento ancora parecchio dolore nella zona lombare ma l’ortopedico mi dice di far passare almeno un anno per poter fare una diagnosi definitiva. ho fatto 3 settimane di fisioterapia e un pò di piscina. mi domandavo se ci fossero degli esercizi specifici per la schiena e se fosse possibile cominciare a fare qualche piegamento leggero per rinforzare gli addominali.
    ringrazio.

  42. salve,nel novembre 2008 ho subbito un trauma cranico a causa di una caduta accidentale di una grossa finestra con vetro antisfondamente ( circa 100 kg ) dall alto, ho riportato un ampia ferita alla tempia destra, dopo un paio di settimane ho iniziato ad accusare dolori al collo alle spalle, lungo la schiena,dopo vari controlli fatti da un fisiatra mi consigliò prima 10 giorni di punture che non ricordo il tipo e poi un ciclo di fisioterapie senza nessun risultato , anzi a meta ciclo me li anno sospese perche mentre mi toccavano all altezza della d6 tra le scapole accusavo dei forti dolori, cosi mi consigliarono di fare prima una risonanza e poi decidere se proseguire con le fisioterapie, tutto questo dopo 7 8 mesi dall incidente,dalla risonanza fu riscontrata un modesto avvalamento della d6,la fisiatra mi disse che era meglio non proseguire le fisioterapie perche piano piano si sarebbe messo apposto da solo, ma i fastidi aumentavano sempre, ormai era come se avevo un chiodo tra le scapole sentivo fastidio se camminavo molto a piedi se andavo in bici se prendevo dei pesi , ma il fastidio piu grosso e un dolore atroce lo sentivo spesso al petto con delle crisi che duravano un po di minuti con dei sensi di compressione, quando avevo queste crisi mi dovevo alzare se ero a sedere e andare avanti e indietro massaggiando il petto, ha fatto 3 0 4 visite neochirurgiche e solo uno mi a consigliato l intervento di cifoplastica,ormai lo fatto dopo 26 mesi dall incidente , ora chiedo: visto che l incidente e avvenuto il 05 11 2008 e l intervento lo subito il 14 05 2010 , e servito a qualcosa l intervento essendosi ormai calcificate le ossa? quali sono i rischi che vado incontro e se ho fatto bene a decidere x l intervento di cifoplastica… sono un po preoccupato perche in tanti me lo sconsigliavono… addirittura c era stato un neurochirurgo che mi consigliava delle infiltrazioni di azono….. mi scusi se sono stato lungo…. saluti e un grazie anticipato per la sua risposta

  43. Ruben Spina Says:

    Chiedo gentilmente delle informazioni al riguardo.
    Mio padre ha un tumore che ha colpito la colonna vertebrale in particolare ,le vertebre L4,L5, S1.potremmo ricorrerere a questo cemento acrilico ? Se si ,dove fanno questo tipo di operazioni ? Grazie

  44. salve sono cadutto nelle scale di casa su sedere quando al pronto socorsso il dotore mi ha fatto raggi trovato che ho frattura avvallata di L1 mi volgiano operarme ma io novolevo avevo una paura e sono tornatoa casa con il busto e passata una settimana il dolore a calato di quello di prima sto pocco a letto camino pero dolore sempre ce ho 40 anni.sono un povero marochaino no so cosa fare .aspetto il vostro consiglio GRAZZIE DOTORE

  45. no sono mai operato nella mia vita ho paura

  46. salve, vorrei sapere<se è possibile risollevare una vertebra lievemente fratturata, con la cifo plastica e se la stessa tecnica differisce dalla vertebroplastica, quale delle due è la migliore? la frattura della d11, potrebbe agevolare cifosi oppure esistono ginnastiche che evitano simili problemi? In caso di frattura vertebrale meglio operare oppure adottare il riposa? GRAZIE!!!

  47. Salve. Ho una madre anziana (79 a) che giono dopo giorno si curva sempre più e dopo le prime ore della giornata è costretta a sedersi per, lei dice, pesantezza alle gambe. Ovviamente ha fatto accertamenti, consultato un ortopedico, fatto terapie e assunto tante tipologie di antinffiamatori, senza ottenere alcun miglioramento della sua situazione (determinata da osteoporosi, demineralizaizone ecc.). Esiste qualche centro specializzato per anziani, per tentare di ottenre qualche miglioramento alla sua situaizone o è destinata ad attendere un aggravamento inevitabile?

  48. Buongiorno, mia mamma l’anno scorso a causa di alcuni crolli vertebrali si è sottoposta a cifoplastica. Purtroppo durante tale intervento si è verificato un travaso del cemento che ha compromesso la funzionalità della gamba destra. Saprebbe indicarmi come si potrebbe intervenire e a chi rivolgermi? Grazie.
    P.s. Le dispiacerebbe rispondermi al mio indirizzo e-mail? Grazie in anticipo.
    Saluti

  49. Sergio Bullo Says:

    Vi ringrazzio per tutte queste infformazioni
    Ma avrei un qesito da chiedere:circa 6 mesi fa ho subito un incidente tra 2 moto dagli esami svolti al pronto soccorso non avrei avuto fratture ma da allora ho sempre avuto un dolore alla sciena i medici che mi controllano dicono che dipende dalla scoliosi, una sera parlando con un farmacista di vecchia data mi ah consilliato di farmi fare una lastra dorsale lombo-sacrale e cosi il7/2/11 mi sono recato a Villa Berica risultato:scoliosi dorso-lombare-concava.sul piano sagittale:accentuata la cifosi del dorso;conservata la londosi lombare.segni spondiloatrosi,con appuntimento osteofitico degli spigoli anteriori dei corpi vertebrali.
    Ridotto di ampiezza lo spazio discale tra l5 ed s1 esiti di frattura della limitante somatica superiore di d8 ,vorrei sapere in parole povere il significato e ha chi mi dovrei rivolgere vi ringgrazzio in anticpo Sergio

  50. giuseppina 4 marzo 2011 Says:

    caduta dalla bicicletta. pronto soccorso, frattura vertebra l2,consiglio risonanza magnetica,lunga attesa,non cammino piu , non riesco a stare seduta ne sdraiata, non riesco ad andare in bagno,dolori tremendi,gli antinfiammatori non mi fanno nulla,ho 64 anni,aiutatemi, cosa devo fare. grazie. Sono caduta il giorno 26 f6bbraio 2011

  51. silvana trovato Says:

    ho la mamma di anni 80 affetta di piastrinosi in cura con oncocarbide ha avuto un crollo vertebrale di D11 per osteoporosi, potrebbe essere sottoposta al cosiddetto cemento vertebrale? grazie attendo risposta cordiali saluti silvana brescia

  52. salve ,sono giovanni ho 33 anni nel 2010 ho fatto risonanza magnetica esito d8-d9 ernia posturale destra con conflitto radicolare,d7-d8 ed9-d10 marcata protusione sono in cura con un ortopedico da circa un anno svolgo delle infiltrazioni terapeutiche omeopatiche va un pò meglio ma il dolore è sempre fisso e devo stare attento come mi muovo per non stare a letto immobille . volevo sapere se l’intervento è veramente rishioso come mi ha detto il mio ortopedico potrei rimanere paralizzato .sicuro di una vostra risposta vi porgo i miei saluti

  53. salve sono alin ho 23 anni e ho problemi con colonna..x probabile sforzo fisico.mi hanno detto che si e ridotto spazio *intersomatico L5 -S1*e voglio sapere se si puo fare qlk..e cosa puo succedre…asp la vostra risposta grazieee

  54. salve a tutti..5 anni fa mio cognato ha fatto un gravissimo incidente..questo gli è costato la rottura della colonna vertebrale,difatti,dal petto in giù è tutto paralizzato..riesce a muovere appena le braccia ed il collo..vorrei sapere se ci sono nuovi esperimenti per queste persone invalide e senza ormai nemmeno un briciolo di felicità..aspetto risposta..

  55. Giovan Battista Bonomi Says:

    Buongiorno, ho subito un incidente e ho rotto due vertebre, la L1 e L2 oltre ad una frattura composta al metatarso. Ho 45 anni e godo di buona salute (schiena a parte …). Sono appena rientrato a casa dopo una settimana di ospedale, dovrò portare un corsetto per tre mesi.
    Volevo chiedere se un intervento di cementificazione può aiutarmi a ridurre i tempi di degenza e soprattutto potrebbe essere applicato al mio caso.
    Grazie

  56. Buongiorno, 3 mesi fa o fratturato la vertebra lombare L2 con schiacciamento a cuneo di 3 – 4 millimetri, nel camminare con il busto, sento male alla parte lombare della schiena, secondo Lei e grave? e potro lavorare ancora come cantoniere e svolgere la vita come prima?
    la ringrazio anticipatamente per la sua preziosa risposta Dottore
    e Cordialmente la Saluto
    Danilo

  57. Dimenticavo Dottore, pensa che nel tempo la frattura della vertebra L2 schiacciata a cuneo possa dare problemi come ad esempio l’ernia? E pensa che un intervento di cementificazione puo fare al caso mio ? perche non si verifichino dei problemi? visto che ho 45 anni e devo ancora lavorare a lungo
    grazie mille ancora Dottore per la suao prezioso giudizio
    Danilo

  58. Buongiorno, come leggo ci sono molte persone che non sanno dove sbattere la testa, con problemi di salute che aspettano una risposta, sarebbe gentile ed educato avvisare che codeste risposte non vengono date magari per problemi Vostri…o chissa’ per quali motivi.
    …….e non facciamo come al solito i menefreghisti all’italiana

    cordiali saluti
    Claudio

  59. Genovese Paolo Says:

    Buona sera, mi chiamo Paolo,da 4 anni soffro di dolori lombo sacrali,ho fatto molteplici cose.infiltrazioni sacrali e transacrali,periduroscopia,eletrostimolatore ,(poi rimosso per inefficienza e messo in modo errato.Altre infiltrazioni ,nucleoplastica,ma di tutto cio’ non e’ servito a niente. in seguito a tutto cio’, cado in depressione ed il dolore e bruciore aumenta in modo esponenziale.Mi viene un esaurimento nervoso,il dolore e’ lancinante,la famiglia cade a pezzi,riesco a risollevarmi un po’ grazie ad un neurologo,cerco di lottare, ma i dolori mi distruggono,Oggi sopporto con cristiana dignita’, ma non mi rassegno.invio gli ultimi esami eseguiti. Risonanza magnetica fatta il 4-11-2011 relazionava: A livello cervicale nei limiti volumetrici il canale spinale; inizialmente degenerati i dischi intersomatici;ridotto in altezza e protruso a sede paramrsiana e recessoria preforamidale sn il disco C5 C6.Nei limiti volumetrici il canale spinale dorsale.Non alterazioni di segnale del midollo spinale.A livello lombare rotoscoliosi sinistro-convessa.Nei limiti volumetrici il canale spinale.Inizialmente degenerarati i dischi L3 L4 ed L5.Discreto grado di degenerazione interapofisaria prevalente sn a L3 L4 e a L4 L5;di minor grado a L5 S1.Non alterazioni morfologiche e/o di segnali caudali.

    Tac lombare, con ricostruzione 3 D, del 30-11-2011:Sono stati esaminati gli spazi discali compresi tra L1 ed S1.
    A livello dello spazio discale L3-L4 e’ osservabile uniforme protrusione discale da forame a forame con associata a retrolistesi di L3 su L4.
    A livello dello spazio discale L5-S1 e’ osservabile protrusione discale mediana che impronta lievemente il sacco durale.
    A livello dello spazio discale L2-L3e lo spazio discale L4-L5 e’ osservabile uniformre protrusione a anulo-discale.

    RX del 30-11-2011: Rx rachide dorsale + Rx rachide lombo sacrale con prove funzionali.
    Retrolistesi di L3 su L4 che non subisce sostanziali modificazioni al test dinamico eseguito in massima flessione e massima estensione.

    Esame elettromiografico (EMG) eseguito il 30-11-2011 :Minimi segni di sofferenza neurogena cronica,senza denervazione in atto,a distribuzione C5-C6 bilateralmente.

    Esame elettroneurografico(ENG) :Parametri di conduzione nervosa nei limiti della norma.

    Esame elettroneurografico :Velocita’ di conduzione sensitiva ai limiti della norma.Nella norma i parametri di conduzione motoria e la latenza minima delle relative risposte muscolari tardive.

    Esame elettromiografico arti inferiori :Minimi segni neurogeni a distribuzione L4-(L5) bilaterale,prevalenti a sinistra.#

    Mi scuso per la mia lunga relazione, ma questo e’ il minimo,perche’ a tutt’oggi non ho risolto il problema. ultima diagnosi, Fibromialgia ?.Con tanti punti interrogativi.

    Per quando riguarda la retrolistesi L3 su L4 che tipo di terapia dovrei fare a livello non farmacologico?
    Piscina? ginnastica posturale ?. Da quattro anni stare seduto e un trauma,piu’ che aletto o in piedi. Per ultimo il mio lavoro e’ autista delle odiate auto blu. Grazie per una vostra risposta.

  60. Genovese Paolo Says:

    Scusate,quella faccina l’ho fatta per sbaglio quella parola è “parametri” :)

  61. anna nitto Says:

    Salve,sono una ragazza di 35 anni, purtroppo nel mese di giugno dell’anno scorso ho avuto una violentissima caduta da una scala ripida.
    Diagnosi:frattura dorsale traumatica;con trattamento chirurgico.
    Frattura pluriframmentaria e cuneizzazione del soma della VIII vertebra toracica,con coinvolgimento peduncolare ma senza significativa dislocazione del muro posteriore.
    In anestesia generale, dopo 5 giorni,stabilizzazione con viti mono e poliassiali connesse a barre D6-D7 e D9-D10 con tecnica mini-invasiva.
    Adesso i dottori mi consigliano di togliere questa struttura al titanio.
    Desideravo chiedergli un consiglio in merito, sapere cosa potrebbe comportare l’asportazione o meno di tale struttura e i relativi rischi.
    In verità oggi ho molta paura a pormi nuovamente ad un eventuale intervento!
    Grazie per la sua preziosa consultazione.

  62. 2 settimane fa ho avuto un incidente stradale e la diagnosi è stata: frattura a scoppio di L4. Sono stata operata chirurgicamente. Mi hanno inserito due placche e delle viti per ricongiungere la vertebra rotta con la L3 e la L5. Secondo il neurochirurgo l’intervento è andato bene. Solo che ho dei forti dolori all’anca sinistra che si irradiano verso la coscia fino al ginocchio e poco più giù. Con delle iniezioni di cortisone va leggermente meglio. Volevo sapere se il dolore continuerà o è solo questione di tempo prima che tutto torni nella norma. Per quando sto in piedi uso un bustino rigido. Vi ringrazio per l’eventuale risposta. Saluti, Silvia.

  63. gent. prof. ho fatto un rx rachide in toto e mi è stato rilevata : non alterazioni significative a carico dei metameri cervicali, degli spazi discali e dello speco vertebrale. Da rilevare la presenza di discreti osteofiti marginali a sviluppo antero e retrosomatico a liv. C5-C7.Fenomeni di porosi diffusa senza avallamenti statici di singoli corpi vertebrali. Spondilosi dorsolombare associata a fenomeni porotici in Pz. caratterizzato da deviazione scoliotica sn. convessa con fulcro al passaggio toracolombare . Presenza di discreti avallamneti statici di cui il principale interessa il soma di D5 risultando caratterizzato da un cedimento fratturativo sup. a mm. 4. Si determina per tal modo incremento importante della cifosi toracica con associata iperlordosi lombare compensatoria. Sofferenza discale isolata L5 S1. Nei limiti le s. sacroiliache. Il medico ha voluto escludere una causa importante facendomi fare tuitte le analisi che per fortuna sono risultate negative. Non mi ha dato nessuna cura a base di calcio e vitamina D , ma io sono preoccupato per la porosi e la frattura che a volte mi da dolori acuti localizzati. Cosa mi consiglia di fare? La ringrazio. Marco

  64. ivan terranova Says:

    Chiedo se e possibile rialzare le vertebre dopo due interventi di cifoplastica. Ho sofferto di 13 crolli vertebrali causa abuso prolungato di cortisone. I crolli sono avvenuti a seguito di osteoporosi e miopati causata dallo stesso cortisone. Ho fattoi 2 interventi che hanno miglkiorato la stabilita della colonna tuttavia non ho recuperato altezza del busto con perdita di 6cm e difficolta di respirazione per compressione organi. Il bacino e le costole sono molto vicini e danno dolore oltre alla perdita fella figura che appare accorciata nel busto. Chiedo se e possibile ripetere cifoplastuca per rialzare vertebre o se esiste un altro metodo per risolvere questo problema. Vi sarei gratoi se potete darmi cortesi informazioini. Vi ringrazio con stima.

  65. ivan terranova Says:

    Ho avuto 13 crolli vertebre causate da assunzione di cortisone. Ho fatto 3 interventi di cifoplastica ma non ho risolto la perdita di lunghezza del tronco e il baccino e ileo quasi si toccano per perdita di 6 cm. Chiedo a voi esperti come si puo rimediare a questo problema che mi crea molti disagi grazie per una vs risposta

  66. Terranova Ivan Says:

    Ho sofferto di 13 crolli vertebrali causa abuso di cortisone assunto per curare la sensibilità chimica multipla ho fatto tre cifoplastiche con pmma ma non ho risolto la perdita di altezza che mi causa difficoltà di respirazione e abbassamento della cassa toracica. Volevo sapere se il vostro cemento può essere adatto ed essere reinfuso per ovviare All inconveniente. Grazie della vs ridposta

  67. But these women are bound to be disappointed. But you important to mother to drink enough of water to prevent you from dehydrated,
    and some more you also lose apart of your body fluid. Have you ever thought of the reason why people snore.

    • Terranova Ivan Says:

      Potete rispondere per restituire altezza vertebre dopo 13crolli vertrbrali e perdita di altezza con probli di respirazione. Di puo ripetere cofoplastica. Grazie della vs risposta

  68. anna dimunno Says:

    ho 63 anni ,a settembre 2010 ,sono stata sottoposta ad intervento chirurgico artrodesi lombare per scivolamento di l1es5 con innesto osseo prelevato da illiache con placca e viti,dopo tre mesi stavo abbastanza bene,la schiena reggeva bene,a maggio 2011,mi trovavo nello stesso ospedale dove ho eseguito l’intervento, mentre facevo una visita dal otorino sono svenuta,mentre mi portavano al pronto soccorso si e’ sganciata la barella e il mio corpo sie’ piegato in due,urlato per il forte dolore alla schiena,ortopedico non ha fatto altro che darmi antidolorifici e mi mando’ a casa,non si preoccupo’ neppure,accertarsi con altri mezzi,il dolori persistevano sepre piu’ forti,consultai il dottore che mi opero’feci ulteriore ris mag,al controllo risulto’scivolamento della 4 l ,con pcr alta,mi ricovera nel reparto infettvo,il medico del reparto infettivilogo disse che se chi la operata mi assicura che la piastra non si e’ spostata allora forse possiamo debellare l’infezione,sottoposta con antibiotici in vena con 1500 mg al di per 28 giorni dopo eseguito tac e rs,risposta del medico che mi opero’ lei non puo’ essere operata perche’ e’ a rischio di infezioni,attualmente non riesco a reggermi piu di dieci passi,inoltre dalla caduta ho subito versamento sinoviale e calcificazione ambedue le spalle e braccia,ho fatto 5 terapie onde d’urto ma non riesco ancora a muovere le braccia,il mio dubbio e’ che fanno a scarica barile, non si pronunciano nessuno dei dottori ha messo per iscritto che la causa e stata la caduta solo verbalmente,chiedo un consiglio dove posso recarmi con la speranza che qualcuno mi possa rimettere in piedi sono ridotta sulla sedia a rotelle,grazie e scusate per essermi dilungata nella spiegazione,distinti saluti

  69. rita aulicino Says:

    Mi chiamo Ida Ho 54 anni a causa di una caduta dal 4 piano mi sono fratturata la 4/5 vertebra con schiacciamento di 3/4 . sono passati 35 anni ho girato l’Italia la Svizzera e la francia senza nessun risultato .sono riuscita a camminare con una stampella ma la cosa peggiore e che non riescono a trovarmi una soluzione ai miei dolori alle gambe .ogni qualvolta che cambia il tempo soffro di crampi o fitte fortissime che sono costretta a fare la morfina mi devo recare in ospedale.vorrei sapere se esiste qualche farmaco che possono alleviarmi questi dolori .non so quanti specialisti mi hanno visitato e sottoposta ad esami ma il risultato e sempre lo stesso cambia il tempo e soffro .non so quanti soldi ho speso ma non sono ancora oggi riuscita a mettere fine a questo calvario . sono talmente forti che le gambe cedono appunto 3 giorni fa sono caduta per l’ennesima volta e adesso mi sento le gambe addormentate e cammino barcollando ho bisogno di poggiarmi mi tremano le gambe non riesco a fare un passo senza il sostegno so bene che ho battuto la schiena e quindi di conseguenza e il trauma ma quante cadute dovrò prendere ancora nella mia vita senza poter trovare una soluzione? mi hanno detto che non posso operarmi assolutamente perché rischio di restare nella sedia a rotelle e allora ditemi cosa posso fare? mi potete trovare voi una soluzione? grazie spero in una vostra risposta

  70. Hello! This post couldn’t be written any better! Reading this post reminds me of my old room mate! He always kept talking about this. I will forward this post to him. Pretty sure he will have a good read. Many thanks for sharing!

  71. cheap viagra Says:

    The report provides confirmed helpful to me. It’s really educational and
    you really are naturally extremely educated of this type.

    You have got opened my eyes to different opinion of this specific topic together with interesting
    and reliable content.

  72. Ajit Weekly is the initiative Punjabi sproulpaper portal
    site in the emptors the chance to buy! When not travelling around the global, she is free-based
    in Central Hong Kong, I stated inverse not simply dainty.
    Which medicos did you search discussion you lay claim you had as a event of the injury?

  73. Hi my friend! I wish to say that this article is awesome, nice written and include almost all vital infos.

    I’d like to peer extra posts like this .

  74. It delivers the best audio quality possible to your video games, made
    possible by the 5 satellite speakers it comes with. If you didn’t already
    know, “open-source” means that you simply get to utilize the software without paying any money in any way, ever.
    You can get started working online from your home as an audio
    transcriber together with your own computer with
    a fantastic word processor including MS Word installed.

  75. Others decide to keep the ashes, or a portion of them.
    Valentine’s Day may be the time with the year when
    many couple celebrates their love and affection towards one another through spending quality time with one another, using a romantic dinner together and exchanging gifts.
    14 carat white gold marquise gemstone: This is often
    a very pretty piece created using white gold with the setting of
    lovely marquise cut diamonds in cross shape.

  76. massimiliano Says:

    Salve, mio padre (83 anni)a causa di una caduta e’ stato ricoverato in ospedale dove per la guarigione gli hanno dato 2 chance: 1) riposo assoluto a letto per alcuni mesi con conseguenze poco allettanti essendo una persona anziana incorrerebbe a varie patologie negative. 2) la cifoplastica, ma un medico mi ha fatto spaventare fandomi esempi di mal riuscita dell’ intervento con dispersioni di cemento nei polmoni ecc.
    Ho troppa paura di non saper decidere quale tipo di decisione prendere ea quale centro rivolgermi, cerco aiuto urgente, ne sono grato a chiunque possa darmi informazioni valide.
    Massimiliano

  77. There are various steps and useful processes involved in SEO
    including on page search, off page search or linking,
    link exchange and several others. These 5 steps work to profit you in maximising
    your site google search ranking. The idea that the web
    page reaches the top from the those speaks volumes in relation to its quality be going far
    in establishing good will.

  78. Luigi Mazzeo Dice:
    maggio 19, 2014 a 2:36 am
    salve,anzi buon giorno epiacere di aver la possibilita di poter leggere un po di problemi e un po di buoni consigli!arrivo subito al dunque.inanzi tutto,piacere io sono luigi di milano,aripiacere di conoserv\ti.ho 27 anni.nel 2007 ebbi un incidente in moto.in poche parole,sperando di poter essere abbastanza esaudiente,mi fratturai 2 vertebre lombari(l5composta, ed l4 con scoppio,praticamente in “mille pezzi”)bhè subi un intervento di stabilizzazione lombare con viti e placche(titanio,se puo essere di aiuto posso dirvi tutte le misure delle viti!):2 viti in s1,2 viti in l5 e 2 viti in l3 con 2 placche.dopo 3 anni vado a fare la visita di controllo e risulta che ho un dato(di l3)svitato e una placca rotta.bhè nel 2010 fù rioperato di urgenza,tengo a dirvi che dal 2007,dopo che ho subito,nn 1 intervento,ma ben si 2,si xche il chirurgho,passatemi il termine,aveva sbagliato a mettermi una vite,ovvero la mise storta”proprio in l3,quella storta che poi nel 2010 si svito,scuatemi ma nn riesco a capacitarmi di certi errori porca di quella porca,anche se l’intervento lo subi di emergenza,scatemi x questo mio sfogo!”quindi tornando a noi,bhè ebbi un pò di problemini alla gambe,piu la sx,ma poi pian piano,con tanta ginnastica andò tutto a migliorare.in sostanza nel 2010 subi la terza operazione(clinica igea. dott. corona)mi tolse tutto l’impianto vecchio,e mi disse,nell’operazione ti ho tolto tutto e ho vito che potevi farne a meno delle stabilizzazione xrò,ti ho messo un sistema”uguale al precedente”piu corto e piu resistente,visto che anche le viti me le sostitui con diamentro maggiore.se nn ricordo male:da 5.5mm me le mise da 6,5mm,bhe in fine,in data ..12.2013 sorge il problema di una vite spezzata in l5;ci tengo a dire che dopo la 3 operazione”2010″fino ad oggi sono abbastanza autonomo,in sintesi,con il dovuto”obbligatorio”riposo riesco a fare quasi tutto.pensate che ad oggi sn quasi 2 anni che ballo,e proprio 2 settimane fà sn arrivato in finale in una gara,amatoriale,ma pur sempre una gara.in sintesi è piu di un mese che percepisco sempre piu dolori aggiunti a quelli che già sono di rutin!ci tengo a scusarmi a priori x la mia scrittura poco corretta.in fine fine,proprio x farla povera,nell’ultimo mese passato mi sono fatto visitare da un altro specialista neurochirurgo”senza fare nomi,perche ritengo poco opportuno,ma se interessati posso dirvi chi è” emi ha detto vivamente che il sistema concettuale di viti e placche che mi misero fin dal primo intervento,è un sistema della muta,in sintesi nn faceva è nn fà tuttora al caso mio,piu tosto bisognava intervenire chirurgicamente anche da davanti,xche come puoi vedere,disse a me,ti si è rotta una vite e,aggiunse,io avrei fatto a meno di metterti questo impianto,avrei tolto tutto e ti avrei fatto mettere un busto x 1\2 mesi,scusatemi ma nn ricordo con precisione,e sarebbe stato uguale ad oggi!bhè in sostanza ad oggi i miei chirurghi toglierebbero tutto,invece il mio fisioterapista di fiducia,e proprio l’altro giorno anche uno di nuovo,dicono che l4 è troppo compromessa x poter lavorare senza un sostegno.quindi le domande piu semplici da chiedert\vi sono le seguenti:cosa e chi mi consigliate?cordiali saluti e spero vivamente di poter risolvere nel migl dei modi questo mio problema.grazie ancora,luigi!

    Rispondi
    Luigi Mazzeo Dice:
    maggio 19, 2014 a 3:16 am

    Luigi Mazzeo Dice:
    maggio 19, 2014 a 3:17 am
    nn è la mia.però molto simile!

  79. Luigi Mazzeo Dice:
    maggio 19, 2014 a 3:17 am
    nn è la mia.però molto simile!

    Rispondi

  80. reverse lookup cell phone free christian louboutin shoes you are edcdfgkdfgeb

  81. Totally pent subject matter, appreciate it for selective information. eekbefdbggdk

  82. buonasera, ho bisogno di sapere qual é il centro migliore per una vertebroplastica a Bari o nelle vicinanze. E’ urgente, si tratta di mio padre, ha un sacco di problemi di salute e l altro giorno é stato ricoverato per crollo della colonna con due fratture di vertebre. un intervento chirurgico per mettergli delle placche é molto rischioso viste le sue condizioni di salute, forse una vertebroplastica potrebbe essere meno invasiva, però devo contattare un dottore esperto con urgenza. grazie mille.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: